NAPOLI FEMMINILE: UNA REALTA’ SOLIDA

Il Napoli femminile è una realtà solida del mondo del calcio, con successi sempre più evidenti, oltre ad essere questo sport declinato al femminile sempre più seguito da tifosi di ogni credo calcistico. In realtà, il Napoli femminile ma non solo, proprio tutto il calcio giocato da donne, sicuramente non è un fenomeno recente, anzi, guardando alla storia, la prima partita di calcio femminile si è tenuta nel lontano 1895 a North London, con una partita rimasta negli annali: Inghilterra del nord – Inghilterra del sud con un risultato di 7-1.

Inizialmente le sue origini vedevano questi tipi di eventi legati soprattutto alla beneficienza infatti nel 1917 alcune operaie fondarono una squadra delle Dick, Kerr Ladies iniziando a giocare partite di beneficienza contro altre squadre femminili che nascevano per l’evento e indossando per la prima volta il completo da gioco dei “colleghi” maschili, compresi i calzoncini propri della divisa dello sport. Nel 1920 fu organizzata invece la prima partita internazionale della storia che si tenne a Manchester fra le Dick, Kerr Ladies e una squadra femminile francese.

IL NAPOLI FEMMINILE: UN PO’ DI STORIA

Per quanto riguarda invece la prima squadra italiana di calcio femminile, quNapoli femminileesta venne fondata a Milano con Gruppo Femminile calcistico e altre città seguirono a ruota inaugurando le proprie. In particolare il Napoli femminile è nato nella città partenopea nel 1950 grazie alla baronessa napoletana Angela Altini di Torralbo che fondò l’Associazione Italiana Calcio Femminile e da lì nacquero nascono diverse società e squadre femminili quali Napoli, Vomerese, Secondigliano, Roma e Lazio. Dal punto di vista internazionale però già come era successo in Inghilterra anche in Olanda e in Germania veniva rifiutata la possibilità per le squadre femminili di giocare sui campi da gioco utilizzati dalle società maschili. Nel 1959 a Messina, con una partita fra Roma e Napoli finita in rissa finì l’esperienza dell’ Associazione della baronessa Altini di Torralbo.

CALCIO NEWS… E GAFFE!

A volte nell’universo calcio news, alcune notizie ci regalano davvero un sorriso.

calcio news siamo Tutti Koulibaly

I tifosi in curva sostengono Koulibaly dopo i buuu razzisti contro la Lazio sfoggiando i poster del senegalese (foto Il Napoli Online)

Questa, che viene dalla Francia ed è stata riportata prontamente dagli amici de Il Napoli Online, riguarda l’ex juventino Didier Deschamps, attuale allenatore della nazionale transalpina, e il roccioso difensore azzurro Kalidou Koulibaly, che con le sue prestazioni di questo straordinario anno in e il suo attaccamento alla maglia si è conquistato un posto speciale nel cuore degli azzurri…

CALCIO NEWS… CHE NON SANNO NIENTE DI KOULIBALY

Il tutto, una storia un po’ bizzarra, è partita durante un’intervista rilasciata in patria dal tecnico francese Didier Deschamps ai microfoni di Canal Plus. L’ex centrocampista – tra l’altro in forza alla Juventus negli scorsi anni – interrogato su Koulibaly, ha affermato candidamente di “seguirlo con attenzione” e di pensare seriamente a una futura convocazione tra i galletti, o blues se preferite.

Didier Deschamps non ha fatto però i conti con il fatto che in realtà Koulibaly… non è francese. Eh si, perché al momento di scegliere se giocare con la nazionale europea o con quella del suo Paese d’origine, Kalidou non ha avuto dubbi.

In realtà, un motivo per cadere in tranello il coach francese l’aveva: il forte difensore centrale la trafila delle nazionali under l’ha fatta tutta con la casacca dei cugini d’oltralpe. Salvo poi scegliere, a settembre dell’anno scorso, la nazionale senegalese. Chissà se Koulibaly, sentendo le parole di stima di quello che poteva essere il suo selezionatore, un po’ di rimpianti non li ha avuti.
Del resto, quest’anno è probabilmente quello della consacrazione – consacrazione che i tifosi del Napoli sperano essere accompagnata da qualche trofeo importante (e qui evitiamo di continuare…) e la sicurezza acquisita fa azzardare a qualche analista un paragone ingombrante – come la sua stazza – con un gigante della storia del calcio francese, anche abbastanza recente: quel Lilian Thuram (ex bianconero e ex Parma) che lo ricorda fisicamente e anche per le sue uscite palla al piede…