Radiocronaca Napoli, il Napoli minuto per minuto

Radiocronaca Napoli, una sicurezza. Importantissimo per capire l’universo del calcio è il comprendere bene le dinamiche che ci sono non solo durante il gioco e durante le partite ma anche tutto quello che succede fuori e a tutto quello che ruota intorno al calcio stesso. Per essere sempre informati e riuscire a entrare a pieno in questa passione che è pervicace e che dà il ritmo alle vite dei tifosi (e non solo) bisogna sempre cercare di aggiornarsi e essere “sul pezzo” come si dice in gergo giornalistico. Proprio per questo il 22 Dicembre scorso  c’è stato un appuntamento molto interessante con Radio Nuova Vomero (FM 89,800) App e streaming, su cui è andato on air una puntata di Calcio sprint, programma sportivo a cura di Alessandro e Pino Sacco de ilnapolionline.com che è in programmazione per tutti i lunedì e giovedì in orario serale dalle 18 alle 19. Nella trasmissione si parla di calcio, di calcio Napoli, di tutte le notizie che sono legate al  calcio Napoli, al settore giovanile e a quello femminile, con ospiti autorevoli che cambieranno di volta in volta dando il polso della situazione calcistica e di tutto il panorama delle informazioni più importanti e altri addetti ai lavori. Saranno inviati a dare un contributo al programma anche comici nradiocronaca Napoliapoletani e rappresentanti di alcuni club Napoli, per momenti per gli appassionati di calcio davvero imperdibili.

Radiocronaca Napoli: tutto quello che vorresti sapere

Ancora, per chi volesse approfondire il calcio e le sue dinamiche, online sono disponibili tantissimi giornali in grado di dare le notizie pregnanti di cui più si ha bisogno. Importantissimo in merito sono i contributi alla radiocronaca Napoli di alcuni giornali tra cui Il Napolionline.com che in qualche modo riescono a tenere sempre viva la passione del calcio e rinnovarla ad ogni partita per continuare a vivere a rivivere

NAPOLI FEMMINILE: UNA REALTA’ SOLIDA

Il Napoli femminile è una realtà solida del mondo del calcio, con successi sempre più evidenti, oltre ad essere questo sport declinato al femminile sempre più seguito da tifosi di ogni credo calcistico. In realtà, il Napoli femminile ma non solo, proprio tutto il calcio giocato da donne, sicuramente non è un fenomeno recente, anzi, guardando alla storia, la prima partita di calcio femminile si è tenuta nel lontano 1895 a North London, con una partita rimasta negli annali: Inghilterra del nord – Inghilterra del sud con un risultato di 7-1.

Inizialmente le sue origini vedevano questi tipi di eventi legati soprattutto alla beneficienza infatti nel 1917 alcune operaie fondarono una squadra delle Dick, Kerr Ladies iniziando a giocare partite di beneficienza contro altre squadre femminili che nascevano per l’evento e indossando per la prima volta il completo da gioco dei “colleghi” maschili, compresi i calzoncini propri della divisa dello sport. Nel 1920 fu organizzata invece la prima partita internazionale della storia che si tenne a Manchester fra le Dick, Kerr Ladies e una squadra femminile francese.

IL NAPOLI FEMMINILE: UN PO’ DI STORIA

Per quanto riguarda invece la prima squadra italiana di calcio femminile, quNapoli femminileesta venne fondata a Milano con Gruppo Femminile calcistico e altre città seguirono a ruota inaugurando le proprie. In particolare il Napoli femminile è nato nella città partenopea nel 1950 grazie alla baronessa napoletana Angela Altini di Torralbo che fondò l’Associazione Italiana Calcio Femminile e da lì nacquero nascono diverse società e squadre femminili quali Napoli, Vomerese, Secondigliano, Roma e Lazio. Dal punto di vista internazionale però già come era successo in Inghilterra anche in Olanda e in Germania veniva rifiutata la possibilità per le squadre femminili di giocare sui campi da gioco utilizzati dalle società maschili. Nel 1959 a Messina, con una partita fra Roma e Napoli finita in rissa finì l’esperienza dell’ Associazione della baronessa Altini di Torralbo.

CALCIO FEMMINILE, LE NEWS

Parliamo spesso del Napoli di Higuain e Sarri, ma “della” Napoli delle ragazze di Carpisa spesso ci dimentichiamo ma la verità è che il calcio femminile è una realtà in crescita nella nostra città. Le tartarughine stanno facendo ottime cose, tanto in prima squadra quanto in primavera.

CALCIO FEMMINILE E ATTENZIONE MEDIATICA

Calcio Femminile Carpisa Napoli primavera

Una foto della squadra di calcio femminile primavera della Carpisa

Questo perché sono poche le testate che si occupano meticolosamente dell’universo rosa del pallone, soprattutto all’ombra del Vesuvio. Tra queste citiamo la testata giornalistica “Il Napoli Online” il cui direttore Alessandro Sacco da sempre è attento al fenomeno e alla passione di tantissime ragazze che si avvicinano a questo sport.

Mentre la nazionale maggiore femminile, guidata da mister Cabrini, proprio oggi giocherà una delicata gara di qualificazione ai prossimi Europei contro la Svizzera, prima nel suo girone, l’universo del calcio femminile campano è in fermento. La primavera di Catalano, ad esempio, si sta facendo ben valere sui campi di calcio nazionali. E anche la prima squadra, in serie B, ben figura. Una serie B dove c’è anche la Domina Neapolis di Casalnuovo e tante altre compagini ben attrezzate. Nella stessa divisione (serie B girone D) c’è anche l’Acerrana.

Quello della Carpisa è un progetto a lungo termine che spera di essere di successo, per riportare il grande calcio femminile in città. Il presidente Carlino, patron della squadra che gioca al Collana al Vomero, tempo fa disse di avere un sogno, quello di portare la sorella di Manolo Gabbiadini, una delle giocatrici italiane di calcio più forti in circolazione, all’ombra del Vesuvio e per farla ricongiungere al fratello.  Nel frattempo, si crogiola del boom di iscrizioni per il settore giovanile, dimostrazione che in città la voglia di calcio non è mai troppa, non è mai saziata. Anche tra le gentil donzelle!